Il problema Ue sembra non interessare i partiti

Si sente un gran parlare dei problemi interni del nostro Paese e non si discutono i nodi che indissolubilmente legano l'Italia all'Unione Europea. Guido Gentili, su Il Sole 24 Ore, esamina il problema e conclude che nel 2012 i politici erano tutti "rigoristi" d'acciaio, nel 2013 assai meno rigidi, nel 2014 tutti puntualmente o vagamente eurocritici (anche sugli impegni già assunti e votati a schiacciante maggioranza in precedenza) e comunque più interessati alla "ricaduta" politica domestica dei risultati elettorali. Risultato: il 25 maggio si vota, sì, ma non si sa bene per cosa.

Dell'Europa si continua a non parlarne

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS