Il cavallo di Troia della contrattazione collettiva

Agli organi di governo fa molto piacere poter contare su un apparato direzionale “fiduciario”, cioè incaricato più per la dimostrata consonanza (o appartenenza) politica, che per lo specifico merito, nella convinzione che ciò possa più facilmente creare brecce nei confini della separazione tra politica e gestione. Un dirigente con dichiarata “personale adesione” all’indirizzo politico dell’organo di governo potrebbe “ascoltare” di più le “spinte” e adeguarsi alle esigenze di favorire una certa parte. Il commento di Luigi Olivieri su Phastidio.

Lo spoil system all'italiana causa di tanti guai

Leggi tutto...

Caso Umbria, allarme in casa Pd

L’introduzione dello spoils system favorisce la nomina fiduciaria dei vertici. Purtroppo, non si tratta di una fiducia nelle capacità manageriali e gestionali, ma nella volontà e capacità di piegare le norme, eluderle, fino a violarle, così da comportarsi da “furbetti del favorino” ed alimentare le conventicole. Il commento di Luigi Olivieri sul sito Phastidio.

Sanitopoli umbra, ovvero i furbetti del favorino

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS