L'Italia non cresce, un problema anche per l'Europa

Un Paese che ha una stazza economica inferiore solo a Germania e Francia tra i membri della moneta unica ma cresce pochissimo ormai da anni e non ha grandi prospettive di ripresa a breve termine. Una montagna di debito pubblico - la più grande del mondo dopo Giappone e Stati Uniti - che grava sulle scelte fiscali e sociali di governi incapaci di adottare spese pubbliche «keynesiane» per spingere l’economia. L'editoriale di Francesco Guerrera su La Stampa.

Italia peggio della Grecia? Secondo alcuni sì

Leggi tutto...

Bruxelles lontana anni luce dal popolo europeo

La vittoria del fronte per l’uscita dall’Europa, va ricordato, è l’espressione della sovranità popolare di una nazione e non la decisione di un gruppo di politici, quindi andava evitata con la politica, non con le minacce, e adesso va rispettata e gestita secondo le regole per evitare il peggio, non solo per chi se ne vuole andare ma soprattutto per chi resta. Ma il bullismo politico sembra essere l’unico strumento che Bruxelles conosce, lo abbiamo toccato con mano più di una volta durante la crisi del debito sovrano e in particolare dopo il referendum greco. L'editoriale dell'economista Loretta Napoleoni su il atto Quotidiano.

L'Europa è scomparsa e allora Brexit, attentati e crolli in borsa

Leggi tutto...

Abbiamo un'Europa in salsa tedesca

  • Pubblicato in Esteri

Nel 2017 la Germania va al voto e un compromesso su Atene oggi costerebbe caro al suo partito. Poco importa che l’Fmi insista. Dunque ieri a Bruxelles ci si è curati molto più della politica interna tedesca (senza nominarla) che della Grecia. Comprensibile che oggi in Europa un’elezione a Berlino conti più, nell’immediato, di una crisi umanitaria ad Atene. Basta chiamare le cose con il loro nome. L'editoriale di Federico Fubini sul Corriere dea Sera.

Ue (Grecia e italia) nelle mani della Germania

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS