Ue, l'Italia conta sempre meno

  • Pubblicato in Esteri

Per capire l’isolamento italiano in Europa basta una locuzione latina. Dum Romae consulitur, Saguntum expugnatur, mentre a Roma si discute, Sagunto viene espugnata. Ovvero mentre i senatori romani discutevano su come fermare Annibale, il generale cartaginese conquistava la città di Sagunto. Lo stesso accade in Europa. Mentre a Bruxelles si gioca la partita delle nomine più importanti delle istituzioni europee, dal presidente della Commissione europea a quello della Banca centrale, l’Italia si guarda l’ombelico per capire se il governo gialloverde andrà avanti o meno, rassegnandosi al ruolo di comprimario. E invece, a guardar bene, si nota qual è la vera partita in campo. Il presidente francese Emmanuel Macron da settimane sta spezzando quel poco che resta dell’asse italo-tedesco e cercare di spartirsi con la Germania le cariche più importanti, invitando al tavolo la Spagna a spartirsi il bottino. E l’Italia che potrebbe infilarsi nello stallo tra Merkel e Macron l'appoggio per  alla Bce in cambio di un commissario importante, sta a guardare. Il commento di Andrea Fioravanti sul sito Linkiesta.

 A Bruxelles si fanno le nomine più importanti, l'Italia sta a guardare

Leggi tutto...

Italia nei guai, anche Germania e Francia possono cadere

Ci risiamo. Si confida nei mercati e nei nodi economici per cambiare una maggioranza di governo. È accaduto spesso in Italia. Ad assaggiare l’amaro calice delle congiure fu per primo Romano Prodi. Il suo esecutivo cadde sulle pensioni dei lavoratori precoci, erano i tempi di quota 90, usate come pretesto da Rifondazione Comunista perché semplicemente lo si voleva sostituire. C’era la lira e c’erano pochi vincoli esterni. Poi con la moneta unica e la globalizzazione è cambiato tutto e non siamo stati più liberi di farci male esclusivamente da soli, anche se ne siamo specialisti mondiali. Così è toccato a Silvio Berlusconi, che per la verità ci ha messo molto del suo, finire, costretto alle dimissioni dall’inizio della tirannia dello spread. Ed ora nell’occhio del ciclone, tra lettere, smentite e gialli epistolari con Bruxelles, c’è il gabinetto di Giuseppe Conte, terremotato da smottamenti interni dopo la vittoria della Lega di Matteo Salvini alle Europee, la debacle dei Cinquestelle, tutto nella stessa maggioranza. Sulla febbre alta di Palazzo Chigi si riverbera il fattore “E”, come Europa, “E” come Euro. È un film che conosciamo, dal 2011. L'interessnate commento dell'economista Roberto Sommella sul sito Huffington Post.

Italia nelle curve, ma anche la Ue rischia molto a bacchettarci

Leggi tutto...

Caro avvocato Conte, i nodi vengono al pettine

Il governo Conte-Di Maio-Salvini non sopravviverà al test elettorale del 26 maggio ma continuerà a essere vivo e vegeto. Si sopravvive, anzi si tira a campare (Andreotti diceva: sempre meglio che tirare le cuoia), se si tergiversa sulle questioni di fondo, si pesca nell’ambiguità, si gioca con i numeri, si nasconde un po’ di polvere sotto il tappeto, aumenta il debito, e frena l'economia. Il commento di Ferruccio De Bortoli sul Corriere della Sera.

Dopo il 26 maggio, niente più sarà come prima

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS