Forum di Davos, i grandi ci vanno, Trump no

Il forum di Davos, in Svizzera, costi sono alti, ma il volume d’affari generato dalle attività della Fondazione è enorme. Come si legge nel bilancio allegato nell'ultimo report annuale della Fondazione del World economic forum, tra luglio 2017 e giugno 2018  ricavi totali ammontavano a ben 328 milioni di franchi svizzeri, con costi pari a circa 325 milioni di franchi svizzeri. Uno spaccato sull'importante meeting che annualmente si svolge in Svizzera riportato nel sito business insider a firma Marco Ciminella.

A Davos i ricchi non piangono!

Leggi tutto...

Multinazionali e l'evasione fiscale, l'Italia ci rimette

Distratti dall’arrivo di Donald Trump, i manager presenti all’ultimo Forum di Davos andrebbero perdonati nel caso si fossero persi un dettaglio: vale 627 miliardi di euro la base imponibile nascosta solo nel 2015 da poche grandi multinazionali al fisco di Paesi come Germania, Francia e Italia (e vari altri). In quell’anno - uno fra i molti nei quali gli stessi fenomeni si ripetono - è di duecento miliardi di euro il gettito sottratto ai governi attraverso la rete dei paradisi fiscali. Per compensare l’ammanco, hanno dunque dovuto versare più tasse i normali lavoratori dipendenti o autonomi, i pensionati e anche - attraverso l’Iva sui beni di consumo - le persone i cui redditi sono così bassi da restare al di sotto delle soglie tassabili. L'editoriale di Federico Fubini sul Corriere della Sera.

Multinazionali dell'evasione fiscale

Leggi tutto...

Davos, l'Italia non se la fila più nessuno

A Davos, sull’Italia è calato il silenzio. Non se n’è proprio parlato. C’era di nuovo Padoan, c’era Mario Monti e un gruppo (non nutrito) di donne e uomini d’impresa. Ma era come se non ci fosse il Paese. Non nelle discussioni. In parte, per le ragioni giuste: la minaccia di una crisi bancaria italiana si è allontanata, da quando il governo ha messo 20 miliardi sul tavolo per i salvataggi. In parte però è per ragioni meno auspicabili. Mentre la comunità internazionale si chiede cosa accadrà con l’arrivo di Trump alla Casa Bianca o con la Brexit, sparisce lo spazio mentale di occuparsi di ciò che — a torto o a ragione — si percepisce come molto meno rilevante. Federico Fubini sul Corriere della Sera.

Davos, l'Italia dimenticata

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS