Terzo polo offresi. E il leader?

Giorgetti dice: o spostiamo La Lega verso un centro liberale, popolare e europeista, o saremo annientati. Ha ragione nell’intuire che la strada si fa sempre più stretta. Ha ragione nel vedere vana la forsennata e ormai incerta corsa del suo leader, Matteo Salvini, verso un consenso plebiscitario che surroghi la mancanza di una credibile direzione di marcia. (...) Zingaretti e Di Maio dicono, con accenti diversi ma con la stessa ipocrisia che con la mano destra accelera e con la sinistra frena: o imbocchiamo il riformismo o il governo non va avanti. Anche loro hanno ragione. Il commento di Alessandro Barbano su Huffington Post.

In Italia il centro c'è, manca i leader

Leggi tutto...

Il malinteso senso di responsabilità del Pd

Immaginiamo che nelle urne prevalga il “sì”. Il referendum rivitalizzerebbe la leadership pentastellata, testimoniando che la maggioranza degli italiani si riconosce ancora nelle sue parole d’ordine. Che cioè l’antipolitica non è refluita neanche nel colpo di frusta che la pandemia ha sferrato al Paese, ma sopravvive come un’istanza pregiudiziale in grado di tenere la democrazia in ostaggio e, in qualche modo, di precarizzarla. Luigi Di Maio rivendicherebbe il risultato, utilizzandolo per piegare a suo vantaggio gli equilibri di governo. Quanto al Pd, che ha votato tre volte “no” al taglio dei parlamentari e una quarta “sì”, proverebbe vergogna per il prezzo insostenibile pagato all’alleanza con i Cinquestelle. Chi conosce la fisiologia morale e ideologica del partito di Zingaretti sa che questo sentimento, insieme alla probabile sconfitta nelle Regionali, sarebbe funzionale a un ricambio di leadership. (...) Qualunque pregiudiziale posta dal Pd ai Cinquestelle metta a rischio la sorte del governo. Ma è un ragionamento che nasconde una spaventosa subalternità e che difetta di un eccesso di prudenza. Il gabinetto Conte ha tre solidi ancoraggi: l'attaccamento alle poltrone di una rappresentanza parlamentare pentastellata che non avrebbe altra occasione di essere rieletta; l'obiettivo di sbarrare la strada a Salvini, almeno fino all'elezione del nuovo capo dello Stato; Il commento di Alessandro Barbano su Huffington Post.

Il Partito democratico kamikaze, si immola per salvare dal naufragio il M5S

Leggi tutto...

Conte o Draghi, l'Italia in un cul de sac

Se tutti, o quasi tutti, sono d’accordo con Draghi, perché non accade ciò che Draghi suggerisce? Questa domanda sta piantata nel cuore del Paese, tra il consenso generale all’appello dell’ex presidente della Bce e una transizione fin qui dominata dalla confusione nell’azione di governo e da un’incertezza che attraversa, tutto intero, il quadro politico. (...) Le forze politiche condividono a parole, ma tradiscono nelle azioni, il riformismo invocato da Mario Draghi, che significa anzitutto educare al realismo e alla responsabilità, portare un gruppo sociale a prendere coscienza delle perdite imposte dal cambiamento, in ragione di un obiettivo ambizioso che le giustifichi. In questo senso il dramma della politica italiana è esistenziale, perché riguarda mai come oggi la contraddizione tra il credere e l'apparire, e condanna i partiti e i leader a un'ambiguità difensiva, che si esprime nell'inazione e nella confusione. Il commento di Alessandro Barbano su Huffington Post.

Tutti concordano sulla ricetta di SuperMario, ma non la adottanno...

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS