Italia in ritardo sulle riforme, ecco perché non cresce

Italia in ritardo sulle riforme, ecco perché non cresce

Il governo italiano è di nuovo in grosse difficoltà. Il ritorno della recessione e l’analisi del presidente della Bce, non sono una condanna senza appello per Renzi, ma un ammonimento. Potrebbero essere un’opportunità per ridefinire priorità e urgenze e per assumere un approccio più solido alla Ue. Se la scelta di iniziare il cammino riformista con l’abolizione del Senato e non con interventi strutturali sull'economia ha probabilmente determinato una tempistica avventata. Ora si tratta di mettere sul tavolo impegni precisi e tempi certi per realizzare riforme come quelle indicate da Draghi. Così Danilo Taino sul Corriere della Sera.

Draghi tira le orecchie a Renzi