Coronavirus, l'azienda tedesca del focolaio 1 ha due sedi in Italia

Webasto ha una sede a Torino e una Bologna. Il primo focolaio di coronavirus in Europa si sarebbe registrato nella casa madre a Stockdof. In Italia assicurano: nessun caso e zero contatti con la divisione tedesca colpita

Si chiama Webasto, è un colosso tedesco che possiede oltre 50 sedi in tutto il mondo e più di 30 stabilimenti produttivi. La casa madre ha il suo quartier generale a Stockdof, a due passi da Monaco di Baviera. Qui, lo scorso 28 gennaio, l'azienda ha comunicato prima tramite una mail interna poi sul sito web che un manager era risultato positivo al coronavirus.

Ebbene, settimane dopo il primo caso, sono emersi particolari interessanti per capire meglio la storia della diffusione del virus in Europa. Innanzitutto il focolaio 1, cioè l'area in cui si è manifestato per la prima volta il Covid-19 in territorio europeo, sembrerebbe proprio essere la sede Webasto in Germania. Inoltre il paziente 0, come ha sottolineato il quotidiano La Verità, sarebbe una dipendente cinese che aveva raggiunto Stockdof da Wuhan per una riunione tra il 20 e il 21 gennaio scorso.

Secondo la ricostruzione dei fatti la signora, in quel momento asintomatica, ha incontrato il manager tedesco per poi ripartire, pochi giorni dopo, in direzione Wuhan, dove tra l'altro l'azienda ha pure una sede produttiva. Non solo: Webasto ha 12 stabilimenti in Cina e 1,2 miliardi dei 3,5 miliardi complessivi di fatturato derivano dal business cinese.

In ogni caso, una volta arrivata all'aeroporto, la dipendente scopre di avere il coronavirus. Webasto, dopo 10 giorni dalla visita della signora, decide di isolare 14 giorni l'intero quartiere generale per evitare la diffusione della malattia tra gli altri addetti e predispone test a tappeto per tutti. Tornando al manager, l'uomo infetta tutta la sua famiglia. In breve tempo e nonostante le misure di sicurezza prese, il coronavirus riesce comunque a diffondersi nell'azienda colpendo altre 14 persone. Adesso stanno tutti bene ma il vaso di Pandora, in quei giorni convulsi, era già stato scoperchiato.

Due sedi in Italia ma nessun caso

In Italia la Webasto ha due sedi, una a Torino e una a Bologna, e può contare su 541 dipendenti. Secondo quanto riferito dall'ufficio stampa, tutti stanno bene e "non sono stati segnalati casi di contagio" anche se "non risulta che siano stati fatti i tamponi".

È stato poi spiegato che le sedi italiane "non hanno avuto relazioni con la divisione colpita in Germania da coronavirus". Da quanto emerge l'azienda "è stata da subito molto trasparente"; i dipendenti sono stati informati con un sistema di comunicazione interno mentre gli aggiornamenti sui contagi apparivano sul sito aziendale.

Gli stabilimenti italiani hanno adottato tutte le precauzioni disposte da Stockdof: niente viaggi né trasferte e nessun contatto con i contagiati. È per questo motivo che sarebbe stata presa la scelta di non effettuare test su tutto il personale.

Federic Giuliani - il Giornale - marzo 2020