Scuola, le differenze tra quella italiana e quella giapponese

Scuola, le differenze tra quella italiana e quella giapponese

Giappone: riformato nel secondo Dopoguerra, aggiustamenti di rito a parte, il sistema scolastico è rimasto quasi del tutto immutato e prevede che, fin da bimbi, i giapponesi siano considerati giovani adulti alle prese con un mondo altamente competitivo. Se in Italia siamo abituati al traffico e agli ingorghi davanti le scuole, in Giappone questo non esiste. A 6 anni i piccoli si spostano già da soli, senza mamme, papà e nonni al seguito. I bambini imparano il tragitto a memoria e prendono in autonomia mezzi pubblici sotterranei e di superficie. Del resto il Paese, rileva sempre l'Ocse, è al vertice della classifica in tema di sicurezza personale. Molti istituti superiori vietano invece agli studenti di recarsi a scuola in motorino, per un problema di sicurezza stradale. L'interessante reportage di Carlo Terzano sul sito www.lettera43.

Scuola, in Giappone si studia più che in Italia