I contratti sballati di Padoan e altri

Maria Cannata, la regina del debito pubblico italiano

Nel 2017 la spesa per interessi sui contratti derivati dello Stato è stata di 4,6 miliardi di euro. È quanto si apprende dal DEF licenziato dal Ministero dell’Economia a fine aprile, nel quale leggiamo anche che sui medesimi contratti ci sono stati ulteriori esborsi (non da interessi) per 1,16 miliardi. Il costo complessivo nel 2017 ammonta quindi a 5,76 miliardi, più del 2016 quando i derivati ci sono costati 5,2 miliardi. Parliamo di oltre 10 miliardi negli ultimi due anni, poco meno dell’importo delle clausole di salvaguardia sull’IVA per il 2019 (12,4 miliardi). L'editoriale di Milena Gabanelli sul Corriere della Sera.

Derivati, le responsabilità del Tesoro