La Bce non deve aumentare il costo del denaro

La Bce non deve aumentare il costo del denaro

L’Eurozona è sopravvissuta al duplice shock della crisi finanziaria mondiale del 2007-2009 e della crisi dell’euro del 2010-2012, e in questo momento sta vivendo una buona ripresa. Ma non ci sono motivi per lasciarsi andare all’autocompiacimento: il Pil reale procapite dell’area dell’euro ha perso un decennio. La ripresa è semmai un’occasione per fare le riforme, sia a livello nazionale che a livello europeo. L’interrogativo è su quali riforme puntare. L'editoriale di Martin Wolf su Il Sole 24 Ore.

L'Ue può far scendere le diseguaglianze fra ricchi e poveri