I giovani ed il lavoro, un cambiamento epocale

I giovani ed il lavoro, un cambiamento epocale

I prossimi lavoratori, che saranno i Millennials di oggi e le generazioni più giovani (quella degli "Z" parte dagli anni Novanta), porteranno la loro cultura in ambito professionale e diranno addio alle progressioni di carriera lineari, che impegnano i dipendenti per decenni e di fatto limitano la loro vita lavorativa a un paio di aziende. Secondo quanto emerso al Global Leadership Summit, una buona fetta dei capi azienda ritiene che già nel 2020 i tre quarti delle forze lavoro non avranno più sede in un "ufficio tradizionale". Gli esperti di Ubs, in un articolato report dedicato al "lavoro del futuro", parlano di "Bricolage Living". Si tratta della capacità di costruire una vita "modulare", nella quale questi astronauti del cosmo lavorativo dovranno saper saltare in differenti luoghi, senza orari canonici. Raffaele Ricciardi su la Repubblica.

Lavoro, mutamenti a 360 gradi nei prossimi anni