Occidente, addio! Il boom dell'Estremo Oriente

In Asia, il presidente cinese Xi Jinping si trova in una posizione più forte che mai, cosa che suggerisce che ci si può aspettare una gestione efficace degli squilibri e una maggiore crescita guidata dal consumo e dall’innovazione. Anche l’India sembra destinata a sostenere la sua crescita e il suo…
Leggi tutto...

Le promesse da marinaio dei partiti

C’è una sorta di strabismo che colpisce i politici quando si avvicinano le elezioni. Volendo acquisire consenso, l’unica strada che riescono a percorrere è quella delle promesse. Promesse con cui vorrebbero rendersi paladini dei cittadini. E che quasi mai riescono a realizzare visto che, come spesso accade, sono promesse basate…
Leggi tutto...

Preoccupa la crescita del Pil criminale nel mondo

La gran parte del fatturato criminale transnazionale arriva dal riciclaggio, valutato tra 1,5 e 2 trilioni, che più o meno vale il 2% del Prodotto interno mondiale. L’appropriazione indebita viene stimata in circa 0,1 trilioni. In questo settore i furti di merci costano fino a 30 miliardi di dollari all’anno. …
Leggi tutto...

Il macigno del debito costruito negli anni

Alcuni interventi sulle pensioni in certi momenti storici di passaggio. Come quando Moro e Nenni, accortisi del baratro che si stavano aprendo soprattutto con le pensioni baby, tentarono di frenare. «Non è lecito al governo trincerarsi dietro le difficoltà finanziarie del sistema previdenziale!» tuonò il segretario del Pci Luigi Longo.…
Leggi tutto...

Gentiloni-Padoan brancolano nel buio

Tassare di più chi lavora? Se in Italia le tasse fossero basse, potrebbe anche starci, ma non lo sono: la pressione fiscale (su chi non evade) è ancora vicina al 50 per cento. Fra l’altro, troppe tasse distruggerebbero posti di lavoro, il che sarebbe controproducente. Le riflessioni di Carlo Cottarelli…
Leggi tutto...