E' allarme debito pubblico, continua a crescere

Sin quando il Pil nominale crescerà meno del costo medio del debito, il rapporto debito-Pil potrà solo aumentare. E con esso il rischio di attacchi speculativi al nostro debito pubblico. E quello che, presto o tardi, un nuovo Monti (ad esempio un Cottarelli o un Draghi) giungerà con la mannaia…
Leggi tutto...

L'Europa - che fa?- rallenta. L'Italia si ferma

L'Europa rallenta e l'Italia si ferma. Eppure, non c'è modo di sottrarre la nostra classe politica alla disputa, confortevole ma vuota, sui meriti e sui demeriti di una austerità di cui, peraltro, in Italia non si sono viste molte tracce. Non c'è modo di farle capire che le nostre attuali…
Leggi tutto...

Gli italiani massacrati da un fisco vorace

In Italia, un lavoratore “single”, senza moglie e figli, è sottoposto a un cuneo fiscale del 47,9%. Questo vuol dire che, fatto 100 il costo del lavoro, il carico fiscale pesa per circa la metà. Peggio di noi soltanto Belgio (52,7%) e Germania (49,5%). Decisamente meglio, invece, le nazioni del…
Leggi tutto...

Fallimento delle scelte in economia di Palazzo Chigi

I due provvedimenti-chiave del governo dovevano lavorare in modo complementare, riattivando il mercato del lavoro e colmando le uscite per pensionamenti. Invece, credo che anche i sassi abbiano capito che il reddito di cittadinanza sarà un incentivo all’inattività sostanziale, pur se non a quella statistica. Il combinato disposto delle due…
Leggi tutto...

L'assalto a Palazzo Koch del duo Di Maio-Salvini

Non è la prima volta che un governo fa resistenza sulle nomine della Banca d’Italia. Silvio Berlusconi fece aspettare alcuni mesi l’allora governatore Antonio Fazio sulla promozione di Vincenzo Desario a direttore generale. L’indipendenza di Palazzo Koch (i membri del governo non partecipano mai all’assemblea per rispettarne il ruolo) è…
Leggi tutto...