Cambiamo Ebbasta, salviamo i nostri giovani

Smettiamo noi genitori di proporci come amici dei nostri figli, di voler essere progressisti a tutti costi, dove essere al passo con i tempi significa consentire ai propri figli di dettare le regole in ambito familiare e non insegnare quei principi etici indispensabili, oramai considerati obsoleti e prerogativa di persone bigotte, perché impongono un modello comportamentale che è stretto anche ai genitori stessi. Smettiamo di ignorare i cambiamenti che si sono verificati nei Millennials, continuando a proporre metodi d’insegnamento scolastico che non fanno breccia nella loro mente e nel loro cuore, perché non sono in grado di parlare con la loro lingua, completamente diversa da quella che si utilizzava prima dell’avvento del web. Il grido di allarme,assolutamente da ascoltare, di Marisa Giudice sul suo blog.

Ebbasta non basta, va cancellato e... basta!

Leggi tutto...

I giovani ed il lavoro, un cambiamento epocale

I prossimi lavoratori, che saranno i Millennials di oggi e le generazioni più giovani (quella degli "Z" parte dagli anni Novanta), porteranno la loro cultura in ambito professionale e diranno addio alle progressioni di carriera lineari, che impegnano i dipendenti per decenni e di fatto limitano la loro vita lavorativa a un paio di aziende. Secondo quanto emerso al Global Leadership Summit, una buona fetta dei capi azienda ritiene che già nel 2020 i tre quarti delle forze lavoro non avranno più sede in un "ufficio tradizionale". Gli esperti di Ubs, in un articolato report dedicato al "lavoro del futuro", parlano di "Bricolage Living". Si tratta della capacità di costruire una vita "modulare", nella quale questi astronauti del cosmo lavorativo dovranno saper saltare in differenti luoghi, senza orari canonici. Raffaele Ricciardi su la Repubblica.

Lavoro, mutamenti a 360 gradi nei prossimi anni

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS