Libertà individuali, vaccini e green pass

Libertà individuali, vaccini e green pass

Per secoli diritti e libertà sono stati soltanto di alcuni, nel senso che la società è stata divisa per classi e soltanto all’interno della propria classe si potevano avere diritti. Così è stato per tutta l’antichità, per i Greci, i Romani e fino a tutto il Medioevo: i diritti erano sempre collegati alla facoltà o al potere di un singolo individuo, in ragione della sua appartenenza ad un gruppo. La legge non era eguale per tutti e i diritti erano di pochi (...) Chi sceglie di non vaccinarsi non può avere gli stessi diritti di chi si vaccina, perché in questa fase soltanto con i vaccini e con l'uso del green pass possiamo limitare i contagi. Io posso anche essere libero di non vaccinarmi, ma non posso essere causa del contagio altrui. In fondo anche l'art. 32 della Costituzione ci ricorda che la salute non è soltanto diritto fondamentale dell'individuo, ma anche interesse dalla collettività. Il commento del costituzionalista prof. Alfonso Celotto su Formiche.

Due o tre cose su green pass, vaccini e diritti