Il colonialismo italiano

Il colonialismo italiano

L'Italia ha avuto un passato colinali. Molti lo ignorano

Negli ultimi anni i mass media quando hanno parlato di colonialismo lo hanno fatto per riportare la notizia della statua di Indro Montanelli a Milano che viene ciclicamente imbrattata perché il giornalista raccontò più volte senza pudore di aver comprato come moglie una 12enne durante la campagna d’invasione fascista in Etiopia nel 1936 e di aver consumato con lei numerosi rapporti. Una volta spenta la polemica, il colonialismo ritorna nel dimenticatoio e di quel periodo rimane solo qua e là qualche lontana eco nelle nostre vie – come la Piazza dei Cinquecento a Roma dedicata ai soldati italiani caduti nella battaglia del 1887 a Dogali, in Eritrea – o in alcuni modi di dire: «è stato un Ambaradan», come la cruenta battaglia del 1936 sull’altopiano dell’Amba Aradam in Etiopia dove le truppe mercenarie locali passarono più volte da una fazione all’altra a seconda della cifra offerta, generando confusione nel nostro esercito. Il commento di Andrea Fioravanti su Linkiesta.