Conte e il ritardo nel dichiarare la zona rossa

Conte e il ritardo nel dichiarare la zona rossa

Pubblicate le carte, finalmente! E si capisce il perchè Palazzo Chigi non voleva pubblicare i verbali del CTS (ndr). Il 3 marzo, arrivarono in provincia di Bergamo 250 tra poliziotti, carabinieri e finanzieri, pronti a 'sigillare' i confini dei due Comuni della Valseriana che però non sarebbero mai entrati in azione. "Ciascuno dei due paesi - si legge ancora nel verbale - ha fatto registrare attualmente oltre 20 casi, con molta probabilità ascrivibili ad un'unica catena di trasmissione. Ne risulta pertanto che l'R0 (indice di contagio, ndr) è sicuramente superiore a 1, il che costituisce n indicatore di alto rischio di un' ulteriore diffusione del contagio". Dopo avere esposto queste considerazioni, il 'suggerimento' degli esperti di adottare a Nembro e Alzano la 'zona rossa' già istituita nel Lodigiano. Il commento su Huffington Post.

A carte scoperte, emergono le gravi responsabilità del premier