Dopo il grande successo di Erasmus, è l'ora di Odysseus

Dopo il grande successo di Erasmus, è l'ora di Odysseus

Alcuni anni fa, Umberto Eco invocava «un Erasmus per i tassisti, gli idraulici e gli operai». Erasmus, in effetti, è stato uno dei pochissimi programmi comunitari capaci di produrre una vera trasformazione culturale, formando alcuni spezzoni di una vera generazione europea (...) Il nome che potrebbe identificare questo progetto è Odysseus. Non si tratterebbe di una scelta particolarmente originale, ma impiegare un nome tanto impegnativo al posto del solito acronimo incomprensibile sarebbe la spia di un'ambizione. Il commento di Giuliano Da Empoli su Linkiesta.

Occorre avvicinare i giovani alla Nuova Europa di Merkel, Lagarde e Von Der Leyen

Articoli correlati