Giovani e giovanissimi disorientati, i rischi che corrono

Giovani e giovanissimi disorientati, i rischi che corrono

Noam Chomsky, linguista, filosofo, teorico della comunicazione, afferma che “il ruolo degli intellettuali, da millenni oramai, consiste nel far in modo che la gente sia passiva, ubbidiente, ignorante e programmata”. (...) Le grandi aziende di pubbliche relazioni, pubblicità, arti grafiche, cinema, televisione...hanno innanzitutto la funzione di controllare le menti. Devono creare bisogni artificiali e far sì che le persone si dedichino a soddisfarli, ognuna per conto suo, isolata dalle altre". Il commento della dott.ssa Marisa Giudice sul suo omonimo blog.

I giovani manipolati, lo dice Chomsky