Una nuova gioventù bruciata che fa paura

Una nuova gioventù bruciata che fa paura

Chi non conosce “Arancia meccanica”, cult movie degli anni ’70, opera del regista Stanley Kubrick e tratto dal romanzo di Anthony Burgess? E’ la storia del giovane colto e dispotico Alex e della sua banda criminale, tre amici teppisti, i Drughi, nella Londra degli anni ‘80. I loro principali interessi sono “lo stupro, l’ultra-violenza e Beethoven”, come recita la frase di lancio del film. Il grido di allarme di Marisa Giudice sul suo blog.

Escalation della violenza giovanile